Impresa precedente

Vatnajokull

Traversata invernale del Vatnajokull, il ghiacciaio più grande d’Europa (Islanda). Secondo gli esperti islandesi non sopravviverà la fine di questo secolo.


Impresa successiva

Il Vatnajokull è il più grande ghiacciaio d’Europa e, come tutte le altre calotte glaciali è in pericolo di estinzione a causa dell’aumento delle temperature globali.

La spedizione ha inizio dal versante ovest il 18 gennaio 2017. Alex è in compagnia del fotografo d’avventura Matteo Zanga. I primi giorni sono molto faticosi, il percorso è tutto in salita, le slitte pesano oltre 50 kg ciascuna, il vento incessante e il manto nevoso pesante rallentano l’avanzare.

Il momenti di difficoltà, o dimezzi l’obiettivo o raddoppi l’impegno

Il quinto giorno Alex e Matteo raggiungono una stazione meteorologica nei pressi del cratere di un vulcano ormai estinto. Il giorno dopo la nebbia è così fitta che impedisce ad Alex e Matteo di vedere oltre la punta dei loro sci. Lasciata la stazione meteorologica alle spalle, i due riprendono la marcia verso est e poco più tardi Alex commette un errore di navigazione e precipita per trenta metri all’interno del cratere. Fortunatamente nella caduta non riporta alcun danno.

I problemi sono tutt’altro che finiti, infatti nel tentativo di mettersi in salvo scivola per duecento metri fino in fondo al cratere. Alex, illeso, si libera di tutta l’attrezzatura e risale dal cratere a piedi, e in due ore si riunisce a Matteo che nel frattempo, credendolo morto, ha attivato i soccorsi.

Arriveranno cinque ore dopo ed è a quel punto che Matteo confessa di aver paura e di voler abbandonare la spedizione. Alex non vuole rinunciare alla traversata e prosegue da solo.

 - Alex bellini
 - Alex bellini
 - Alex bellini

Nei successivi dieci giorni le condizioni meteorologiche mettono a dura prova il morale di Alex, ma il 2 febbraio raggiunge il versante est dove lo attende il suo team che lo porterà al primo villaggio vicino.

 - Alex bellini